A ROMA, LUNA PIENA E SALA PIENA

Ovvero, prossima desiderata: REPLICA ALLE TERME

Ovvero bis: i sogni baccanaleschi di un personaggio inquieto
Ovvero ter: andiamo per ordine e partiamo dalla replica romana. E da una foto, per una volta.

orsetta-e-la-luna08/10/2916

Ci sono foto simboliche che non si può fare a meno di amare.

Come questa, scattata da Raffaella Mucci  proprio alla fine della replica romana.
Orsetta, che discende lentamente le scalette del suo Cottage, bagnandosi e beandosi di una enorme luna piena, ci commuove molto.

Piena era la sala.
Come volevasi dimostrare, uno scroscio di pioggia si è rovesciato su Roma giusto in tempo per scoraggiare il pubblico; che però non si è fatto scoraggiare – bravi!!!!
Anzi, continuavano ad arrivare prenotazioni tardive. Tanto che in corsa si sono aggiunte sedie e si è riarredata la sala dell’Altro Spazio.
Poltrone e divanetti sono finiti in fondo, con sommo scoramento di Orsetta. Alla nostra, infatti, l’idea di avere di fronte un auditorio mollemente adagiato su tessuti e cuscini, alla maniera dei banchetti dell’antica Roma, piaceva moltissimo.
Cercasi replica alle terme!!!

La luna invece piena non era, la sera dell’8 ottobre. Almeno quella vera: era a meno del primo quarto. E allora ci abbiamo pensato noi di Magnitudo Nove a riempire il mancante chiarore dell’astro, con un effetto tanto semplice quanto sofferto. Grazie Raffaele e a Sonia per essersi intestarditi finché non hanno vinto loro. E grazie a Lucia per l’aiuto alla consolle.

PS: vi regaliamo una piccola chicca. Il pubblico ad un certo punto rideva talmente tanto che la povera Magni ha fatto all’incirca quattro serie di esercizi aerobici prima di riuscire a ricominciare con il racconto. Considerate che la poveretta, oltre ad un’età e una forma fisica non certo da olimpionica, ha anche un legamento crociato lasso. Insomma, avreste dovuto vederla arrancare per casa la mattina dopo … quando si dice: piegata in due dalle risate!

Commenti chiusi